Pierattelli architetture - studio architettura firenze - Maison Ache - villa rurale - villa in toscana - abitare oggi - confabitare - rivista architettura - rivista di interni

ABITARE OGGI | 07 – 2020

ABITARE OGGI | MAISON ACHE

Paesaggi rurali e distese di campagne incontaminate caratterizzano tutta la Toscana. Colline famose per la viticoltura e la produzione di grandi vini, terreni argillosi, filari di cipressi, boschi selvaggi e borghi medievali rendono questa regione italiana unica e impareggiabile nell’offerta turistica internazionale. Abitare in questi luoghi vuol dire anche viaggiare nel tempo, nella storia etrusca e in un passato carico di storie, curiosità e memorie, mantenute vive da chi ha deciso di vivere in queste terre. Come ha fatto una famiglia francese, che nel cuore di queste campagne ha deciso di trasformare un’ex casa colonica in un rifugio di pace e tranquillità. Esternamente l’edificio è stato preservato rispettando le sue peculiarità architettoniche e lo stile rurale caratteristico di questi luoghi.

Lo studio fiorentino Pierattelli Architetture ha dato vita a nuovi e dinamici spazi interni, seguendo una linea estetica improntata al giusto equilibrio fra tradizione e contemporaneità. Tante le suggestioni etniche che conferiscono a tutta la casa accenti di un’eleganza informale, enfatizzata dalla presenza di toni caldi, da una luce quasi confidenziale e una spazialità che permette lo svolgimento della vita quotidiana in piena serenità. L’aspetto esterno con le tipiche facciate intonacate e la copertura a falde inclinate con rivestimento in coppi e tegole, è rimasto uguale: tutto ricorda e testimonia l’edificazione della casa avvenuta nella prima metà del ‘900. Lodevole la scelta degli architetti di mantenere vivi gli aspetti più caratteristici dell’impianto originale, mettendo mano solo a ciò che poteva apparire obsoleto. Internamente modelli estetici che si rifanno a un chiaro eclettismo sembrano plasmare quasi tutto.

Negli ambienti l’accostamento di materiali locali ad altri che provengono da diverse parti del mondo (e di proprietà della famiglia) e l’unione di pezzi d’arredamento su misura a must del design internazionale, articolano e rendono palpabile un sentimento di accoglienza in ogni stanza. La pietra serena – elemento ricorrente nell’architettura toscana – è stata utilizzata per pavimenti, finiture e componenti decorative, mentre le pavimentazioni in cotto rievocano i toni e il calore della terra. I tre livelli della casa sono collegati da una grande scala a chiocciola che diventa elemento di continuità e riconoscibilità del progetto. Un altro elemento che valorizza questa casa sono le aperture ad arco: vie di fuga che permettono allo sguardo di aprirsi e correre verso la campagna toscana.